Definizioni - Parte Generale

“AD” Amministratore Delegato di MOBILITA’ & PARCHEGGI  S.p.A.
“Appaltatori” convenzionalmente si intendono tutti gli appaltatori di opere o di servizi ai sensi del codice civile, nonché i subappaltatori, i somministranti, i lavoratori autonomi che abbiano stipulato un contratto d’opera con la Società e di cui questa si avvale nelle attività sensibili.
“CCNL” Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro.

“Codice di Autodisciplina” Codice di Autodisciplina
“Consulenti” soggetti che agiscono per conto di MOBILITA’& PARCHEGGI  S.p.A. sulla base di un mandato o di un altro rapporto di collaborazione.
“Decreto” Decreto Legislativo n. 231 dell’8 giugno 2001 e successive modifiche.
“Delega” l’atto interno di attribuzione di funzioni e compiti nell’ambito dell’organizzazione aziendale.
“Destinatari” tutti i soggetti cui è rivolto il Modello e, in particolare: gli organi societari ed i loro componenti, i dipendenti e i collaboratori, gli agenti della Società, i consulenti, gli Appaltatori, i Partner nonché i membri dell’Organismo di Vigilanza, in quanto non appartenenti alle categorie summenzionate.
“Linee Guida” Linee Guida per le società di servizi.
“Modello” Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo previsto dal Decreto, adottato da MOBILITA’ & PARCHEGGI  S.p.A. e rappresentato dal presente documento di sintesi.
O.d.V.” Organismo di Vigilanza previsto dal Decreto.
“Attività Sensibili” attività nel cui ambito possono essere potenzialmente commessi reati.
“Organo dirigente” Consiglio di Amministrazione di MOBILITA’ & PARCHEGGI S.p.A. “Procura” negozio giuridico unilaterale con cui la Società attribuisce dei poteri di rappresentanza nei confronti di terzi.
“ProcessOwner” soggetto che per posizione organizzativa ricoperta o per le attività svolte è maggiormente coinvolto nell’attività sensibile di riferimento o ne ha maggiore visibilità.
“Reati” fattispecie di reato considerate dal Decreto.
“Società” MOBILITA’ & PARCHEGGI  S.p.A.
“TUF” Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, noto come “Testo Unico della Finanza”, emanato con Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n.58.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo